Sussidiario

Appendice

Nel Torrese chi svolge un mestiere ha un’arte (nel senso di artigiano!)

Fèigl’m z’ mbar l’art d’ f’rrar = mio figlio impara il mestiere di fabbro

Con i mestieri svolti nel paese degli anni ’50 si sviluppavano quasi tutte le attività utili in una società di tipo chiusa come quella di Torrebruna.

Questi erano i mestieri e professioni svolte nel paese:

  • Contadino (lu cundad’n)
  • Muratore (lu frabb’catèur)
  • Fabbro (lu f’rrar)
  • Calzolaio (lu scarpar)
  • Sarto/sarta (lu sartèur/la sart)
  • Falegname ( lu fal’gnim)
  • Elettricista (l’elettr’cèist)
  • Operaio generico (lu manuval)
  • Medico (lu mìd’ch)
  • Ostetrica ( la vamm’n)
  • Guardia campestre (la fur’stal)
  • Guardia comunale ( la guàrdj)
  • Impiegato della posta
  • Impiegato comunale
  • Cantoniere Anas( lu cand’nir)
  • Prete( lu pret)
  • Sagrestano ( lu sagrastan)
  • Tinaro( lu t’nar)
  • Addetti alla fornace (chi fat’j a la p’ngir)
  • Gestore della Taverna (la tav’rnar)
  • Trasportatori (l’ v’ttur’n con vetture-muli cavalli- con carri o con auto)
  • Mugnaio (lu mul’nar)
  • Trappetaio del frantoio (lu trapp’tar)
  • La vj d’ la terr
  • Lu Murrutt
  • Annind a la chjs ( la piazza vecchia)
  • L’ P’rtìun
  • Lu Calvàrj
  • Ng’m a lu pàund
  • L’ar d’ iond
  • L’ar d’ zambèitt
  • La vj d’ sandròcch
  • La f’ndanell
  • La vj d’ Carugn
  • Lu chjn ( la piazza nuova)
  • Sopra la fàund

Gli abitanti del paese venivano individuati dal proprio nome di battesimo accompagnato dal nome (spesso nomignolo) della famiglia di appartenenza. Era raro l’uso del cognome.

Questi i nomi/nomignoli delle famiglie:

  • P’zz’caril
  • Sandurill
  • F’rt’natucc
  • Giaramò
  • Lu massar
  • Lu f’rrar
  • Cuzzèitt
  • Larcièun
  • F’l’cè’ill
  • Lu Faugn
  • Carm’nill
  • Lu cand’nir
  • Lu fal’gnim
  • Ciannott
  • G’s’ppèill
  • Diamand
  • Scarciàitt
  • D’ lu Castill
  • Cr’sc’nzèill
  • Frang’schèill
  • D’ Dàv’d
  • A’ng’l Marò
  • D’ Stanzian
  • Lu Tunarill
  • Paulèill
  • M’ngarill
  • M’calàng’l
  • Cold’pold
  • Ciavarrell
  • Lu cascir
  • Lu mòn’ch

Dato che l’attività prevalente della popolazione era di tipo agricolo, il territorio del paese era quasi tutto coltivato, fatta eccezione per una parte della montagna che era destinata a pascolo.

Di conseguenza il territorio, suddiviso in zone “ufficiali” dal catasto, veniva ulteriormente suddiviso per rendere più facile l’individuazione del terreno di pertinenza.

Queste le zone principali:

  • Lu calvàrj
  • Sand Vard’n
  • Lu collal’fenz
  • La P’scar
  • Lu crucèill
  • Fuch martìun
  • Fuss d’ giambr’nill
  • L’ vign’ravècchj
  • Luch Sandor
  • Lu trucch
  • Sandrocch
  • Lu cupill
  • Lu prat
  • Lu bosch
  • La chjn d’ la m’ndagn

Il territorio del paese era ricco di sorgenti, sia nel centro abitato che nella parte alta (la montagna) che nella parte bassa del comune.

All’interno dell’abitato c’erano:

  • la fontana monumentale (la fa’und) che attraverso un complesso sistema che faceva passare l’acqua prima alla fontana, da questa all’abbeveratoio e poi da questo al lavatoio, dava acqua da bere alle persone, acqua per dissetare gli animali e acqua per il lavaggio in comune dei panni sporchi.
  • la zona detta appunto “la fundanell” ove c’era una fontana e una serie di sorgenti spontanee di acqua.

Poco fuori dell’abitato c’era la”fond d’ lu calvàrj”,   “lu putr’ìcul” e “lu trucch

Nelle campagne si trovavano altre fontane in genere attrezzate con abbeveratoio per gli animali.

Queste erano :

  • fond caprar (la)
  • fònd c’fìll (la)
  • fond lu mel (la)
  • fond p’rzagn (la)
  • fond vallitt (la)
  • fond verz c’lenz
  • fonda j’lat
  • fond p’rzagn
  • la fond sand’àgnl
  • lu trucch’cèill
  • la fond m’cun
  • trucch’cèill (lu)